Text.

Gutta Cavat Lapidem

In an artistic geography in which, the necessity to live one’s own work with an eye toward social responsibility could appear utopian, Giuseppina Longo offers an idea open to society and to territory, with her firm belief that only sharing can fulfil one’s own wish for individual authenticity.
For this reason it would be right to speak about her as a plural artist, also for her indissoluble bond with GIU.NGO-LAB group, in which she realizes her artistic research thanks to Maria Paola Minerba and Angelo Fabio Bianco contribution, different persons for aptitude, education and skills.
The common horizon is to turn art into a method capable of investigating reality from a critical point of view, so to recognise its paradoxes and to give shape to an artistic practice that is able to triggering and create, in the observer physical and mental space, new possible balances.
In this way, the dialogue between art and science, nature and culture both local and global, is translated into veritable communicative devices, in which photography, industrial materials and technology resources come together.
In Habitat, the artistic installation is food for thought on how Man lives in the world, on his own isolation in a society in which economic process, cultural development and ecological balance are counterposed and conflicting. In this sense the installation becomes a warning device that points out the urgency of a different social relationships structure in which re-create one own and other people’s differences.
Water is the discriminating factor for interpretation: from ancestral fluid evoking the embryonic osmosis in mother’s womb, it becomes feature of detachment from natural environment and from cosmos, so that the couple mother-son turns into a dual relationship lacking in mutuality.
The physical gravity does not exist anymore: just the images fluidity inside cylindrical containers settled in a stepped structure. In the look path, that becomes narrative, also the comforting domestic living space, claims to go beyond the surface threshold of each container, from threshold to threshold, in a continuous process that leaves unsolved the man-woman relationship and forces to the ascesis.
Ascesis however, cannot be just an attempt to survive, because it is the expression of a striving that moves each our action, even if just to shout one’s own distress as in My double calls for HELP and in Method of mass breathing.

Against the photographic self-portraits split and shouting inside airtight containers full of water, it is opposed the dive mask, used as a paradox in order to breathe in an urban suburb area overlooked by skyscrapers – with a direct reference to the tragic condition of living in Taranto, a city paralyzed in the grip of post-industrial crisis contradictions.
However no guarantee is given about the results of our actions: the possibility of a failure must be taken into account: in Precariousness of a “hole in the water”

(that is the Italian idiomatic expression to say to draw

a blank), the disenchantment of a seeker that does not find anything is transferred to the facial expression of photographical portraits, like images without connection and set casually in a broken amalgam.

We find them into spheroids moving so to compose

an underwater circuit of suspended orbits.
Water once again, determines the images weight: each face represents a whole generation that cannot glimpse the future in its own present.
By realizing the precariousness, that does not means just to realize a loss, but above all to realize the utopian nature of human needs, Is it possible to think about a different world in this world?
The answer can be find by investing in the need of young people for sharing experiences and artistic research – GIU.NGO-LAB asserts – by transforming an urban space into a kind of ‘experimental station’ where art becomes process art closed to real life, which cannot be foreseen and leads to unexpected outcomes. It occurs in Monopoli where the concept of work, from ecological action – cleaning the city square after a Saturday night – is taken as the opportunity to create a kind of allegorical and imaginative bestiary; and also it occurs in Taranto, where a sudden downpour, falling down while the artists were at work, digs into cement grey blocks of the quay, creating an unforeseen relationship between land and sea without interruption.
Also in Decomposition of a liquid plane, contingency has a great rule. The quotation to Pino Pascali 32mq di mare, is modified by an accident: the water produced a distorted vision of the bottom in the bowls and translates each image in its dialectic dimension between nature and depth, which makes sense above all if it is perceived as

underwater nature.
GIU.NGO-LAB invents, thanks to a strong passion experienced in a group and extended in the context, an emotions intelligence in a specific space.

This is because the best place in which this works can be perceived is inside ourselves; we that are active spectators capable of symbolize our world through what we see, following an unpredictability that destabilizes each kind of scope of the project that the artist plans.

If somebody is able to make sense to this particular way of living and interpreting reality, so that will be the moment in which the world will lose the opacity that Calvino defines as a “ slow petrifaction that is more or less in an advanced stage depending on people and places, but affects each aspect of life

(Lezioni americane, 1993). Water will have dug the stone, that is the blindness of our sight: gutta

cavat lapidem.

In una geografia dell’arte in cui può apparire utopica l’esigenza di vivere una responsabilità sociale del proprio lavoro Giuseppina Longo propone un’idea aperta alla società e al territorio, nel fermo convincimento che l’esperienza della condivisione sia l’unica in grado di appagare il proprio desiderio di autenticità individuale.
Per questo occorre parlare di lei come di un’artista al plurale, per il suo legame inscindibile con il gruppo denominato GIU.NGO-LAB, in cui concreta la ricerca artistica grazie all’apporto di Maria Paola Minerba e Angelo Fabio Bianco, persone diverse per attitudine, formazione e competenze.
Orizzonte comune è fare dell’arte un metodo capace di indagare criticamente la realtà e leggerne i paradossi più evidenti, con la segreta ambizione di dare forma a una prassi artistica capace di innescare nello spazio fisico e mentale dell’osservatore possibilità generative di nuovi equilibri. Così, il dialogo tra arte e scienza, natura e cultura, locale e globale, viene traslato in veri e propri dispositivi comunicativi, in cui confluiscono fotografia, materiali industriali e risorse tecnologiche.
In Habitat, l’installazione è forma di riflessione su come l’Uomo abita il mondo, sulla sua condizione di isolamento, in una società che vede

contrapposti e contrastanti processo economico, progresso culturale ed equilibrio ecologico ed è, a un tempo, dispositivo di allarme, che segnala l’urgenza di modalità diverse di relazione in cui ricomporre la propria e altrui diversità.
L’acqua è fattore decisivo di interpretazione: da fluido ancestrale evocativo dell’osmosi embrionale nel grembo materno, diventa elemento di separatezza dall’ambiente naturale e dal cosmo, cosicchè la diade madre-bambino si trasforma in una relazione duale che manca di reciprocità.
Della gravità del corporeo, più nulla: solo la fluidità delle immagini in contenitori cilindrici installati in raccordo scalare. Nel percorso dello sguardo, che aspira a farsi narrativo, finanche il rassicurante spazio dell’abitare domestico reclama un andare oltre la superficie liminale di ogni contenitore, di soglia in soglia, in un processo continuo che lascia irrisolta la relazione uomo/donna, obbligando all’ascesi.
Ma l’ascesi non può essere ricondotta semplicemente a un tentativo di sopravvivenza, perchè espressiva di una tensione che muove ogni nostra azione, fosse anche soltanto quella di gridare il proprio disagio, come ne Il mio doppio chiede aiuto e in Metodo di respirazione di massa

Agli autoritratti fotografici sdoppiati e urlanti all’interno di barattoli ermetici pieni d’acqua si contrappone la maschera del subacqueo, adottata paradossalmente per poter respirare nell’aria grigia di un ambiente urbano dominato da grattacieli di periferia - riferimento diretto alla drammatica condizione dell’abitare a Taranto, stretta nella morsa di molte contraddizioni provocate dalla crisi post-industriale.
Tuttavia, nessuna garanzia ci è data circa l’esito delle nostre azioni: occorre mettere in conto la possibilità di un fallimento: in Precarietà di un buco nell’acqua il disincanto di chi cerca e non trova viene traslato nella mimica facciale di ritratti fotografici, che stanno come irrelate immagini di un insieme scomposto casualmente sul piano. Le ritroviamo all’interno di sferoidi mutanti a comporre un circuito subacqueo di orbite in sospensione.
L’acqua, ancora una volta, ridetermina il peso delle immagini: ogni volto sta al posto di un’intera generazione che non riesce a intravedere nel presente una possibilità di futuro.
Di fronte a tale constatazione di precarietà, che non è solo presa d’atto di una perdita, quanto piuttosto della natura esigenziale dell’Uomo, è ancora possibile pensare un mondo diverso in questo mondo?
La risposta è rintracciabile investendo sul bisogno di condivisione e di ricerca creativa dei giovani - sostiene GIU.NGO-LAB - trasformando lo spazio urbano in una sorta di “stazione sperimentale” dove l’arte si fa processualità legata alla vita reale, che non può essere prefigurata e giunge alla scoperta di esiti imprevisti. Come a Monopoli, dove l’ipotesi di lavoro, da azione ecologica - pulire la piazza della città dopo il sabato sera - diventa occasione per plasmare un bestiario immaginifico e allegorico; o come a Taranto, dove un improvviso acquazzone, irrompe in corso d’opera, scavando la figurazione già dipinta sui grigi blocchi di cemento della banchina di attracco, fino al determinarsi di un rapporto senza soluzione di continuità fra terra e mare.
Anche in Scomposizione di un piano liquido la contingenza è all’opera. La citazione di 32mq di mare di Pino Pascali, infatti, viene modificata da un imprevisto: l’acqua ha reso più instabile la percezione del fondo in ogni riquadro, restituendo di ogni immagine la sua natura dialettica tra superficie e profondità, più che mai pertinente se letta come natura sottomarina.
GIU.NGO-LAB istituisce, dunque, grazie a una passione esperita in gruppo ed estesa al

contesto, una intelligenza delle emozioni nello spazio di un ambiente specifico. Perchè, in fondo, il miglior luogo per la ricezione di queste opere è quello che sta dentro di noi, in quanto spettatori capaci di simbolizzare il nostro mondo attraverso ciò che vediamo, secondo un’imprevedibilità che destabilizza ogni finalità progettuale prefissata. Se si sarà trovato un senso a questo modo molto speciale di attraversare la realtà, allora sarà stata erosa quell’opacità del mondo che Calvino definiva “una lenta pietrificazione più o meno avanzata a seconda delle persone e dei luoghi, ma che non risparmiava nessun aspetto della vita” (Lezioni americane, 1993). L’acqua avrà scavato la pietra, ovvero la cecità del nostro guardare: gutta cavat lapidem..

Maria Angelastri
Storica dell'arte e docente ordinaria
Accademia di Belle Arti di Bari

Contact.

  • Black Facebook Icon
  • instagram
  • Black Pinterest Icon
  • Nero Google+ Icon

Questa licenza Creative Commons permette di scaricare e condividere le immagini dei lavori originali presenti in questo sito a condizione che tali file non vengano modificati,né utilizzati a scopi commerciali.

La  paternità delle opere presenti è degli autori

Tutti i diritti sono riservati a GIU.NGO-LAB.2012

11112221_1610488052502941_10336411076127